NICOLA MORANDINI

6 days and 100 Km

13-06-2018 19:01

tags: Andrea Salvà, Gennargentu, Supramonte, Aldo Leopold,

url: permalink

“There are some who can live without wild things and some who cannot.”

Con questa bellissima frase di Aldo Leopold, ecologo statunitense e fondatore della prima Area Wilderness mondiale, l'amico e fotografo Andrea Salvà inizia il dettagliato racconto fotografico della recente traversata del Gennargentu e del Supramonte in Sardegna. Qui potete ripercorrere le diverse tappe di questo affascinante percorso
Foto: Andrea Salvà
"Ora si aprivano nuovi sentieri neri ancora da inventare, fuori dalla mappa. Fughe, ripiegamenti, passi di lato, lunghe assenze punteggiate di silenzi e nutrite di visioni. Una strategia della ritrattazione.
Ogni lunga marcia sembra salvifica. Ci si mette in cammino, si va avanti cercando delle prospettive tra i rovi, si evita un villaggio. Si trova un riparo per la notte: i sogni risarciscono della tristezza del giorno. Si sceglie di vivere nel bosco, ci si addormenta cullati dal verso delle civette; al mattino si riparte di slancio nell'erba alta, si vede qualche cavallo. Si incontrano dei contadini che non parlano. ... Si riprende la strada attraverso i campi e inesplicabilmente, alla biforcazione di un sentiero, si vede apparire il volto della propria madre. Si arriva a un campo arato, si rientra nel bosco, si vedono degli absidi di pietra, si cammina lungo i fiumi e poi lungo la costa. Si va avanti sulla sabbia, si sente la risacca e si arriva ai confini del paese. Allora si torna a casa, liberi dall'insetto che ci pungeva il cuore, mondati da ogni pena, di nuovo in piedi.
Dovremmo sempre rispondere all'invito delle carte, credere alle loro promesse, traversare il paese e sostare qualche minuto, al confine del territorio per chiudere i capitoli infausti.
" Sylvain Tesson, "Sentieri neri".

andrea_gts.jpg

Le Spiagge Bianche e il Cubo

Un fine settimana anomalo e surreale, in compagnia di Christian Martinelli e di Mauro Podini. L'occasione è quella di girare un breve cortometraggio sull'attività fotografica di Christian, in particolare il lavoro che lo ha portato a compiere il periplo delle coste italiane in compagnia del cubo, una sorta di camera oscura in formato gigante di 8 m3 che lo accompagna nel suo stile di vita itinerante. Il cubo è anche un’opera in sé, che tutto specchia e in essa si specchia. Le fotografie di Christian, proprio grazie a questo particolare dispositivo, sono tutti pezzi unici e in scala reale 1:1. L’iperdefinizione delle immagini è dovuta all’impiego di una carta fotografica rara prodotta sin da 65 anni fa oggi non più disponibile sul mercato.
Collocare il cubo nelle Spiagge bianche di Rosignano Solvay può regalare effetti molto particolari.
L'insolito colore della sabbia, motivo per cui la spiaggia viene paragonata alle coste tropicali, è conseguenza di anni di lavorazione e degli scarichi di carbonato di calcio da parte di un impianto del gruppo Solvay, situato a Rosignano Solvay, a circa un chilometro dalla costa. La sodiera, che risulta essere la più grande d'Europa,venne costruita nel 1912 nei pressi della spiaggia, cominciando la sua attività nel 1914, producendo, oltre il carbonato di sodio, acqua ossigenata, polietilene, cloruro di calcio, bicarbonato di sodio e acido cloridrico. A causa degli scarichi della Solvay, che includono vari inquinanti (tra cui un tempo anche il mercurio rilasciato in lavorazione attraverso l'impianto di elettrolisi del cloruro di sodio), le Spiagge Bianche sono tra le più inquinate d'Italia e la pesca nelle acque limitrofe è estremamente ridotta. Ciononostante, le Spiagge Bianche rimangono comunque una delle mete balneari più frequentate della Toscana.

DSCF6169.JPGDSCF6177.JPGDSCF6183.JPGDSCF6186.JPGDSCF6198.JPGDSCF6196.JPGDSCF6210.JPGDSCF6204.JPGDSCF6208.JPGDSCF6212.JPGDSCF6215.JPGDSCF6226.JPGDSCF6228.JPGDSCF6235.JPGDSCF6214.JPGDSCF6233.JPGDSCF6238.JPGDSCF6247.JPGDSCF6250.JPGDSCF6194.JPG

Confini di Christian Martinelli

20-02-2018 22:53

tags: Confini, Christian Martinelli, The Cube,

url: permalink

Confini” appartiene al ciclo di opere 00A, una serie di progetti decennali in cui l’artista utilizza la fotografia come mezzo, fine, o testimone di tematiche a lui care.
“La lunga striscia di sabbia” che Pier Paolo Pasolini realizzò nel 1959 ritraendo l’Italia da Ventimiglia a Trieste è una fonte di ispirazione del viaggio solitario lungo sei mesi che Martinelli ha intrapreso. Nell’arco di cinque anni ha percorso circa 20.000 chilometri, restituendo l’intero periplo dell’ Italia attraverso 70 immagini monotipo.
Le immagini sono realizzate con il “cubo”, un oggetto che è sia macchina fotografica progettata dell’ artista, sia opera installativa, che cattura e al contempo riflette il paesaggio.
“Confini” nasce dalla necessità che l’artista ha di confrontarsi con il tema dell’appartenenza a un territorio; come l’animale segna il “suo” spazio, delimitando il proprio confine così l’essere umano disegna linee su mappe geografiche. L’atto simbolico di posizionare il “cubo” all’interno del paesaggio al confine diventa per l’artista la modalità per tracciare il suo passaggio. Martinelli non concepisce il confine come “fine”, semmai come “inizio” e lo rappresenta con immagini, in cui le sue linee si amalgamano
Attraverso i lunghi tempi di esposizione la linea dell’ orizzonte si perde creando un continuum tra i tratti della morfologia del paesaggio reale. Rispetto a Pasolini, Martinelli sposta l’attenzione dal contesto antropologico a quello naturale dei “confini”. Non è dunque una rappresentazione documentaristica dei luoghi, bensì una riflessione, una ricerca intima della poetica del paesaggio. L’artista restituisce immagini dalle innumerevoli sfumature cromatiche, ascrivibili più a un dipinto che a una immagine fotografica. Come le marine astratte di Willelm Turner anche le immagini realizzate dall’ artista sono opere uniche e irripetibili.

Christian Martinelli

Confini.jpg

search

pages

Share
Link
https://www.nicolamorandini.it/news-d
CLOSE
loading